"Abbiamo deciso di investire in un sistema che assicura un vantaggio tecnologico in termini di qualità, precisione e costi operativi", afferma Szymon Mazurkiewicz, CEO di Kielce Technology Park. "L'investimento indica il nostro impegno come produttori di livello mondiale di parti e articoli stampati in 3D che promuovono l'innovazione per i nostri clienti".

Il magazine Forbes ha recentemente segnalato che solo alcune economie hanno mostrato una crescita costante nell'ultimo quarto di secolo. L'elenco include la Cina e l'India, che non sorprendono affatto, e un Paese che non ci si aspetta: la Polonia.

La Polonia ha ottenuto la maggior parte del suo successo grazie alla produzione a basso costo, secondo un recente report di McKinsey & Company. Tuttavia, il report indicava che la nazione ha bisogno di ridefinire la sua strategia di crescita e identificare nuove fonti di sviluppo, quali l'innovazione dei prodotti.

Un grande passo in questa direzione in un nuovo Centro di stampa 3D nel Kielce Technology Park. Il Centro è costruito attorno al sistema con sinterizzazione laser selettiva (SLS) 3D Systems ProX™ SLS 500. Al momento dell'installazione, durante l'estate del 2015, si riteneva fosse la prima macchina della sua categoria in Europa e la seconda nel mondo.

"Abbiamo deciso di investire in un sistema che assicura un vantaggio tecnologico in termini di qualità, precisione e costi operativi", afferma Szymon Mazurkiewicz, CEO di Kielce Technology Park. “L'investimento indica il nostro impegno come produttori di livello mondiale di parti e articoli stampati in 3D che promuovono l'innovazione per i nostri clienti". 

Ritorno degli investimenti immediato

ProX SLS 500 produce parti funzionali pronte all'uso e assemblaggi completi per un'ampia gamma di applicazioni industriali, mediche e di consumo. Utilizza la plastica 3D Systems DuraForm®, un materiale in nylon resistente, per produrre componenti che raggiungono o superano la qualità dello stampaggio a iniezione.

Il ritorno degli investimenti per ProX SLS 500 è iniziato quasi immediatamente per il Kielce Technology Park: dopo i primi due mesi di apertura, il Centro di stampa 3D ha attirato 40 clienti diversi.

I clienti iniziali rappresentano un'ampia gamma di settori, tra cui moda, architettura, chimica e confezionamento di alimenti, fusione, medicina ed elettronica.

Le parti stampate da ProX SLS 500 includono interruttori, alloggiamenti per purificatori d'aria, giranti ed elementi pompa, pannelli fonoisolanti, ugelli antincendio, lampade, giocattoli, pulsanti personalizzati e zip per indumenti.

Il Centro ha anche firmato contratti a lungo termine fin dal primo mese dell'operazione, a dimostrazione che le imprese erano pronte a lanciarsi sul mercato dei beni prodotti con SLS.

"Abbiamo ricevuto formazione, assistenza e supporto tecnico di livello eccellente da 3D Lab, il partner di 3D Systems autorizzato in Polonia, che ci ha aiutato a utilizzare ProX SLS 500 nel modo più efficiente possibile per i nostri clienti", afferma Tomasz Bajor, ingegnere responsabile del Centro di stampa 3D del Kielce Technology Park. 

Versatilità, qualità, convenienza

ProX SLS 500 era stata selezionata come elemento cardine delle operazioni del Centro di stampa 3D dopo oltre un anno e mezzo di ricerca che ha tenuto conto della vasta gamma di tecnologie di stampa 3D disponibili e delle domande del mercato in costante evoluzione.

"Abbiamo preso in considerazione diversi prodotti e tecnologie prima di decidere di utilizzare la versatilità di SLS per i prototipi e la produzione di brevi serie", afferma Bajor. "Un grande vantaggio di ProX SLS 500 è la certificazione di sicurezza sanitaria per il materiale DuraForm PA utilizzato nei settori medico e alimentare".

Kielce Technology Park è stata attirata non solo dai risultati di stampa ma anche dal funzionamento automatico ed efficiente di ProX SLS 500.

La stampante dispone di un sistema di controllo di qualità del materiale (MQC) integrato che effettua in maniera costante e automatica setacciatura e filtraggio, fornendo nel contempo il trasporto del materiale alle cartucce della stampante, procedura che non richiede manutenzione. Una funzionalità esclusiva è la capacità di raffreddare la forma di stampa all'esterno della camera di stampa, consentendo agli utenti di posizionare un secondo vassoio nella macchina per ridurre i tempi di fermo dovuti alla stampa e incrementare l'efficienza della produzione.

Una camera di costruzione pari a 381 x 330 x 457 mm (15 x 13 x 18 pollici) fornisce flessibilità operativa, consentendo agli utenti di produrre diversi modelli di grandi dimensioni o decine di oggetti piccoli, generalmente nell'arco di una settimana. Se la camera non è completamente piena, è possibile aggiungere nuovi modelli mentre la macchina è in funzione per un progetto caricato in precedenza.

Le stampe definitive mostrano una finitura superficiale uniforme, con la massima risoluzione e definizione dei bordi di qualsiasi sistema SLS.

"ProX SLS 500 ha offerto i migliori risultati durante la fase di prova", afferma Bajor. "La finitura superficiale e gli spigoli vivi erano superiori ad altri prodotti creati mediante sinterizzazione laser presenti sul mercato".

Per Kielce Technology Park è importante anche il risparmio in termini di costi operativi e la capacità di rispettare l'ambiente. Secondo Bajor, gli elevati tassi di riciclaggio della polvere SLS utilizzata nella stampante ProX SLS 500 consentiranno a Kielce di risparmiare denaro e ridurre gli sprechi.

“ProX SLS 500 è caratterizzata dal massimo tasso di recupero del materiale non sinterizzato che, dopo la post-elaborazione, viene riconvogliato nel vassoio di stampa per essere utilizzato nella costruzione delle prossime serie di parti". In questo modo si ottengono notevoli vantaggi dal punto di vista economico e ambientale".

Al passo con i leader di livello mondiale

La versatilità, l'affidabilità, la velocità e la convenienza di ProX SLS 500 offre al Centro di stampa 3D, presso il Kielce Technology Park, un'ampia gamma di opportunità per il futuro, sia in ambito nazionale sia all'estero, per settori quali plastica, industria automobilistica, settore aerospaziale, elettronico, medico, alimentare, di progettazione industriale, difesa e molti altri.

"I nostri clienti lodano la qualità delle loro parti stampate in 3D e le trovano migliori in termini di precisione e risoluzione rispetto a qualsiasi servizio della concorrenza", afferma Nina Jarocka-Bak, coordinatrice del Centro di stampa 3D. "Possono lavorare con noi per reinventare tutte le strategie della catena di approvvigionamento e produzione, con costi inferiori di produzione e la capacità di creare prodotti completamente personalizzati e della massima qualità nel minor tempo possibile.

"Attualmente stiamo coltivando la nostra collaborazione con diverse aziende, per cercare di ampliare continuamente i nostri canali di vendita e promuovere il Centro. Infine, in futuro ci specializzeremo in determinati prodotti, ma per ora non limiteremo la nostra offerta di prodotti stampati in 3D".

Grazie al Centro di stampa 3D presso il Kielce Technology Park e altre iniziative tecnologiche nazionali, in poco tempo la Polonia potrebbe perdere l'etichetta di produttore a basso costo e conquistare un posto tra coloro che dettano le tendenze nel mondo dell'innovazione.